Oscar, riflessioni del giorno dopo…e vincitori!

Domenica notte, da noi lunedì mattina, si è tenuta l’89esima cerimonia degli Oscar, da sempre il premio più ambito da produttori, registi e attori di tutto il mondo. È ormai noto che passerà alla storia come la premiazione della beffa, saprete tutti cosa è successo nel momento in cui è stato annunciato il vincitore per il “miglior film”: scambio di buste e viene letto il nome del film in cui è protagonista la “best actress”, piuttosto che “best picture”. Tralasciando il fatto che Warren Beatty (che tra l’altro, nei video che girano su internet è ben chiaro che era particolarmente perplesso, incerto sul da farsi tanto che ha tentennato e ha lasciato leggere il nome alla collega, furbetto!) e Faye Dunaway hanno ormai superato una certa età, mi sono chiesta se al loro posto ci fosse stato un attore giovane se fosse stato in grado di sfiorare il “disastro”, la cosa imperdonabile è stato non accorgersi subito, mi riferisco agli addetti ai lavori, che c’era qualcosa che “non andava”;

hanno lasciato tranquillamente che il cast salisse sul palco a ritirare il premio e che snocciolasse tutti i ringraziamenti e che si dessero tutte le doverose pacche sulle spalle di rito, solo dopo qualcuno è salito sul palco, ha strappato di mano l’Oscar ad uno dei produttori e l’ha riconsegnato a Warren Beatty che, scusandosi e dichiarando di non voler fare “il simpatico”, che di simpatico poi credo ci sia ben poco in certe circostanze dove non è mai bastato solo partecipare, con il produttore di La La Land, evidentemente (e forse anche comprensibilmente) incavolato che continuava a fare il nome di Moonlight finendo per mostrare il foglietto con il nome giusto. Ora, c’è da fare una piccola considerazione, la cerimonia degli Oscar dura circa tre ore, intendo la sola premiazione, non considero il red carpet. Di queste tre ore le prime due sono divise tra: ospiti, commemorazioni, canzoni, sketch e qualche premiazione dei premi “meno importanti” o almeno quelli che al pubblico interessano meno. L’ultima ora è una bolgia. Si snocciolano tutte le premiazioni “più importanti”: miglior attore, migliori attrice, migliori film, miglior regia. E tutto ciò avviene quando la stanchezza e lo stress per una cerimonia così importante, con tutti i riflettori puntati addosso, è alla massima potenza. Quindi l’errore è umano e ci può stare, errato è il modo in cui esso è stato gestito. Detto questo, qui sotto trovate tutti i vincitori, quelli veri naturalmente.

Miglior film
Moonlight
Arrival
Barriere
La battaglia di Hacksaw Ridge
Hell or high water
Il diritto di contare
La la land
Lion
Manchester by the Sea

Miglior regia
Denis Villeneuve, Arrival
Damien Chazelle, La la land
Barry Jenkins, Moonlight
Kenneth Lonergan, Manchester by the Sea
Mel Gibson, La battaglia di Hacksaw Ridge

Miglior attore protagonista
Casey Affleck, Manchester by the Sea
Andrew Garfield, La battaglia di Hacksaw Ridge
Ryan Gosling, La la land
Viggo Mortensen, Captain Fantastic
Denzel Washington, Barriere

Miglior attrice protagonista
Isabelle Huppert, Elle
Ruth Negga, Loving
Natalie Portman, Jackie
Emma Stone, La la land
Meryl Streep, Florence Foster Jenkins

Miglior attore non protagonista
Mahershala Ali, Moonlight
Jeff Bridges, Hell or high water
Lucas Hedges, Manchester by the Sea
Dev Patel, Lion
Michael Shannon, Animali notturni

Miglior attrice non protagonista
Naomie Harris, Moonlight
Nicole Kidman, Lion
Octavia Spencer, Il diritto di contare
Michelle Williams, Manchester by the Sea
Viola Davis, Barriere

Miglior sceneggiatura originale
Hell or high water
La la land
The lobster
Manchester by the Sea, Kenneth Lonergan
20th Century women

Miglior sceneggiatura non originale
Arrival
Barriere
Il diritto di contare
Lion
Moonlight, Tarell Alvin

Miglior film in lingua straniera
Land of mine. Sotto la sabbia, Danimarca
A man called Ove, Svezia
Il cliente, Iran
Tanna, Australia
Vi presento Tony Erdmann, Germania

Miglior film d’animazione
La mia vita da zucchina
Zootopia
Kubo e la spada magica
Oceania
La tartaruga rossa

Miglior montaggio
Arrival
La battaglia di Hacksaw Ridge
Hell or high water
La la land
Moonlight

Miglior fotografia
Bradford Young, Arrival
Linus Sandgren, La la land
Greig Fraser, Lion
James Laxton, Moonlight
Rodrigo Prieto, Silence

Miglior sonoro
La battaglia di Hacksaw Ridge, Kevin O’Connell, Andy Wright, Robert Mackenzie e Peter Grace
Arrival, Bernard Gariepy Strobl e Claude La Haye
La la land, Andy Nelson, Ai-Ling Lee and Steve A. Morrow
Rogue One: A Star Wars story, David Parker, Christopher Scarabosio e Stuart Wilson
13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi, Greg P. Russell, Gary Summers, Jeffrey J. Haboush e Mac Ruth

Miglior montaggio sonoro
Arrival, Sylvain Bellemare
Deep Water Horizon, Wylie Stateman e Renee Tondelli
La battaglia di Hacksaw Ridge, Robert Mackenzie e Andy Wright
La la land, Ai-Ling Lee e Mildred Iatrou Morgan
Sully, Alan Robert Murray e Bub Asman
Migliori effetti speciali
Il libro della giungla
Rogue One. A Star wars story
Deepwater. Inferno sull’oceano
Doctor Strange
Kubo e la spada magica

Miglior colonna sonora originale
Jackie
La la land, Justin Hurwitz
Lion
Moonlight
Passengers

Miglior canzone
Audition, La la land
Can’t stop the feeling, Trolls
City of stars, La la land
The empty chair, Jim. The James Foley story
How far I’ll go, Oceania

Miglior documentario
Fuocoammare
I am not your negro
Life animated
OJ. Made in America
13th

Miglior cortometraggio di animazione
Blind Vaysha
Borrowed time
Pear cider and cigarettes
Pearl
Piper

Miglior cortometraggio documentario
Extremist
4.1 miles
Joe’s violin
Watani my homeland
The white helmets

Miglior cortometraggio
Ennemis interieurs
La femme et le Tgv
Silent nights
Sing
Timecode

Migliori costumi
Animali fantastici e dove trovarli, Colleen Atwood
Allied, Joanna Johnston
Florence Foster Jenkins, Consolata Boyle
Jackie, Madeline Fontaine
La la land, Mary Zophres

Miglior trucco e acconciatura
Suicide squad, Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher Nelson
A man called ove, Eva von Bahr and Love Larson
Star Trek beyond, Joel Harlow e Richard Alonzo

Miglior scenografia
La La land, David Wasco, Sandy Reynolds-Wasco
Arrival, Patrice Vermette, Paul Hotte
Fantastic beasts and where to find them, Stuart Craig, Anna Pinnock
Hail, Caesar!, Jess Gonchor, Nancy Haigh
Passengers, Guy Hendrix Dyas, Gene Serdena

@Concya87
pirotina.wordpress.com