[metaslider id=2117]

Dopo il successo della presentazione ufficiale in occasione del 69° Festival de Cannes e della serata di apertura di lunedì 1° agosto con le bellissime attrici Miriam Leone ed Emanuelle Bains, strepitoso bagno di folla ieri, venerdì 05 agosto, per Raoul Bova.

A presentare la serata il grande Luca Abete, di “Striscia La Notizia”, insieme al Direttore artistico del Festival, il regista Carlo Fumo.

Il bel Raoul ha letteralmente incantato il pubblico presente al Parco naturale de “La Cartiera” a Pompei. Un pubblico numerosissimo: migliaia di fans in delirio per Bova che ha sfoderato i suoi migliori sorrisi, felice dell’affetto sincero dimostratogli. Contento di ricevere il “Vetruviano d’argento – Premio Italian Movie Award 2016”, non si è sottratto a tutte le domande dalla platea dei ragazzi della Masterclass e dei giornalisti, ricevendo applausi e complimenti; molto cordiale e simpatico, ha scattato selfie e firmato autografi.

Raoul Bova: La Ricerca è una tema importantissimo di cui bisogna parlare tanto, per informare e per sensibilizzare le coscienze il più possibile, soprattutto in questo momento storico così delicato: sono onorato di aver ricevuto il Premio ‘Italian Movie Award’, dedicato quest’anno proprio ad una tematica sociale così rilevante. E’ sempre per me un’emozione forte poter sentire il calore del pubblico ed il pubblico di questo Festival è stato davvero eccezionale. Grazie, Italian Movie Award! Ai ragazzi della ‘Masterclass’ consiglio di cercare sempre la felicità in tutto quello che fanno: la felicità si ottiene vivendo nel presente, vivendo ogni istante con passione ed apprezzando la vita fino in fondo perché, spesso, la felicità è a portata di mano ma noi non sempre la vediamo.

Il tema della 8° edizione della kermesse cinematografica è “La Ricerca” e, tra gli interventi istituzionali molto qualificati, non sono mancati quelli della Giuria internazionale di qualità che ieri ha svelato il nome del Cortometraggio vincitore della “Short Social World Competition”: “My awesone sonours life” di Giordano Torreggiani.