James Senese

E’ sentimento la parola chiave dell’incontro con James Senese, protagonista della seconda serata di Campania Sound Experience, percorso musicale che accompagnerà i dieci giorni dell’evento valorizzando il made in Campania.

13720641_10208767465096524_645943713_oIl sentimento è il filo conduttore di un’esistenza dedicata alla musica. Il sentimento è l’amore per la sperimentazione, per la ricerca. Il sentimento è il trasporto verso l’arte in tutte le sue modalità espressive. Il sentimento è l’onesta intellettuale. Il sentimento è la sincerità dell’amicizia.

“Il sassofono – ha dichiarato il musicista – l’ho incontrato quando avevo dodici anni. L’ho ascoltato da un juke box. Poi ho scoperto che era un sax. Sono andato a San Sebastiano a Napoli e ne ho comprato uno. E’ stato il primo. Da lì è partito tutto”.

Poi l’esperienza di Napoli Centrale: quarant’anni dedicati alla musica intesa come ricerca, come capacità di 13718106_10208767465136525_583659791_oesprimere sentimenti, di incanalare la rabbia per un sistema che implode, che è fallito, che non favorisce l’integrazione. Fino a “’O sanghe”, ultimo lavoro discografico firmato Senese. “Il disco sta andando molto forte – ha dichiarato il musicista – dentro c’è tutta la rabbia che vediamo in giro e ci sono tutti i nostri sentimenti, quelli per cui ci battiamo da sempre per contrastare un sistema che fa di tutto per non farci capire dove stiamo andando. Dentro c’è la nostra musica. Sono quarant’anni che facciamo avanguardia, che precorriamo i tempi”.

E se l’amicizia è un punto fermo nella vita di Senese, quella che l’ha legato e lo lega a Pino Daniele è stato un sentimento autentico: “Io – ha aggiunto – sono stato il primo a scoprire Pino. E oggi Pino non ci manca perché è sempre presente con noi. Perché noi abbiamo fatto grandi i suoi successi e ancora oggi ogni nota che suoniamo delle sue canzoni è piena del suo sentimento. Ci legava un’amicizia sincera, autentica. Ci sentivamo spessissimo. E’ stato per me come un fratello”.

Senese al Giffoni Film Festival, evento dedicato ai giovani, ai ragazzi. Quali consigli sente di dare alle nuove generazioni? Il musicista non ha dubbi: “I ragazzi – dice – devono perseguire l’onestà. Devono amare la famiglia, devono comportarsi in maniera da non tradire i propri sentimenti”.