GIOVANNI RASPINI IN MOSTRA A SALERNO

WILD / SEGNI E GIOIELLI ANIMALIER

i-gioielli-di-raspini

La creatività dell’argentiere toscano a Il Cigno

Venerdì 18 novembre ore 18, Corso Garibaldi 241

WILD / Segni e gioielli animalier è la grande mostra di disegni e gioielli che, dopo Venezia, Milano, Monaco di Baviera e Napoli, approda negli spazi della Galleria Il Cigno in Corso Giuseppe Garibaldi 241 a Salerno dal 18 al 23 Novembre.

Giovanni Raspini presenta, per la prima volta a Salerno, la sua suggestiva esposizione di venti disegni e oltre quaranta gioielli che stanno riscuotendo  grande successo di pubblico e critica a livello internazionale.

WILD è un omaggio sincero alla libertà e all’immaginazione di Giovanni Raspini. Un “diario di viaggio” che si esprime in disegni e pitture; una straordinaria collezione di idee creative che trova compostezza nelle pagine dello scrapbook dell’argentiere toscano, il suo libro degli schizzi, l’album magico della memoria personale e collettiva, dove si sovrappongono idee, progetti, disegni e fotografie, citazioni, ritagli di giornali, e frammenti calligrafici. Così l’idea primigenia del designer di gioielli si fa immagine compiuta: 30 tavole che offrono a chi guarda lo spettacolo della creazione artistica.

Ecco come nascono i gioielli di Giovanni Raspini. Il segno forte e naturalistico, non geometrico, e la plasticità del progetto rendono assolutamente riconoscibili le sue creazioni preziose. Gioielli importanti, di autentica ispirazione animalier, dove l’argento diventa materia viva e preziosa, affascinante da indossare.

WILD è anche il volume scritto da Francesco Maria Rossi ed edito da Edifir Firenze, che raccoglie le tavole e i gioielli nati dall’estro e dall’immaginazione dall’argentiere toscano, creazioni che esprimono tutta la sua ammirazione per la bellezza semplice e inconsapevole della natura. Giovanni Raspini ama la circolarità, la riflessione, la connessione di idee, persone e cose. Il suo tempo è un meraviglioso groviglio da cui scaturisce un’eleganza senza tempo. Perché il futuro non si immagina, si sperimenta.