De Piscopo

Un premio per i cinquant’anni di carriera a Tullio De Piscopo. È questo l’omaggio che il Giffoni Film Festival ed il direttore Claudio Gubitosi hanno voluto rendere al batterista partenopeo, a pochi mesi dall’uscita di 50. Musica senza padrone – 1965/2015, il triplo cd che celebra proprio questo importante traguardo, che contiene anche tre brani inediti.

WhatsApp-Image-20160717Il premio è stato consegnato ieri pomeriggio alla Cittadella del Cinema dal direttore Gubitosi. “Questo premio – ha detto – è una destinazione importante. Ritorno qui dopo 26 anni e ho trovato una realtà che è cresciuta tantissimo ed oggi è un orgoglio della Campania nel mondo”. l triplo album raccoglie la “summa” della produzione di De Piscopo, che con il suo stile unico è riuscito a portare la batteria, dall’ultima fila del palco al centro della scena, divenendo protagonista, icona riconoscibile e riconosciuta del panorama jazz e pop internazionale. Canto d’oriente, uno dei tre brani inediti inseriti nel cofanetto celebrativo, che vede la partecipazione di Rocco Hunt e Ivan Granatino, è stato presentato in anteprima durante la terza serata del Campania Sound Experience, condotta da Anna Trieste. Gli altri due inediti sono Destino e speranza con James Senese (protagonista il 16 luglio di una grande serata di musica con i Napoli Centrale) 13731730_10208776173794236_8261140555048206622_nFunky Virus con Randy Bracker e Ada Rovatti.

Quella di Tullio De Piscopo è una “Musica senza padrone”, frutto di scelte dettate da cuore e istinto, da uno spirito libero e ribelle, e soprattutto da una continua e profonda ricerca musicale perché “la musica – ha detto – è come un abito che ti cuci addosso e una volta cucito non puoi più disfartene. Quindi bisogna sceglierlo bene, soprattutto con il cuore, perché deve essere un ornamento per l’anima”.

13717973_10208777197419826_2079688659_o13709584_10208777197379825_457280604_o